Una premessa necessaria riguardo al caffè verde

Questo articolo dedicato al caffè verde – come tutti quelli che trovate sul sito di WOW MOKA COFFEE – è frutto della nostra esperienza nel campo del caffè, arricchita quotidianamente con ricerche e studi approfonditi, verificando e confrontando fonti e relative affermazioni.

Parlando di caffè verde, le prime informazioni che i consumatori possono trovare sul web e nella correlata letteratura commerciale e scientifica, riguardano i suoi benefici legati alla perdita di peso, in ragione della composizione chimica del caffè verde stesso.

Come spesso accade, il caffè verde – inteso come dimagrante naturale – ha i suoi sostenitori e i suoi detrattori.

Di seguito troverete un’analisi di entrambi gli approcci al caffè verde perché noi di WOW MOKA COFFEE, irriducibili amanti del caffè, siamo anche innamorati dell’informazione più completa possibile che dia al lettore, specie quando assume il ruolo di consumatore, la possibilità di fare scelte critiche e consapevoli.

A proposito del raggiungimento o del mantenimento del peso corporeo ideale che, affermano alcuni, possono essere coadiuvati dal caffè verde, sottolineiamo che i testi riportati di seguito hanno esclusivamente carattere informativo, finalizzato al confronto tra studi scientifici, opinioni e fonti. In nessun modo intendiamo sostituirci a medici e specialisti – in questo caso particolare ci riferiamo ai dietologi – che vi raccomandiamo di consultare per qualsiasi necessità legata alla vostra alimentazione e alla perdita di peso.

Il caffè verde | Un successo moderno e come lo intendiamo noi

Non ci sono dubbi sul successo che il caffè verde sta ottenendo negli ultimi anni.

Il caffè verde è un prodotto naturale al quale sono attribuite molte proprietà benefiche, compresa la capacità di influire positivamente sul peso corporeo.

Noi vogliamo concentrarci sull’utilità di mantenere un fisico normopeso ai fini della salute dell’organismo, piuttosto che sugli eccessi legati ai miti estetici che, a volte, si traducono in atteggiamenti estremi che hanno ripercussioni sulla psiche e sull’equilibrio e il buon funzionamento del corpo.

Noi di WOW MOKA COFFEE siamo fatti così: amiamo l’armonia, la pace interiore, il benessere olistico e l’accettazione del sé come unico mezzo per giungere all’accettazione dell’altro. In questo senso il caffè ha un grande potere in fatto di comunicazione non verbale, filosofia e poesia del vivere.

Per queste ragioni, partendo da un eccellente caffè verde accuratamente selezionato, siamo arrivati a un caffè torrefatto amico del cuore e dello stomaco, del conseguente benessere generale dell’organismo e dell’efficienza mentale. Insomma, WOW MOKA COFFEE, oltre ad aiutare a tenere lontano quel malessere generale che a volte ci assale dopo aver preso un caffè di scarsa qualità e torrefatto con metodi che ne inficiano le proprietà positive, “nuoce gravemente al malumore”, come recita il nostro claim.

Scegliere un caffè verde di altissima qualità è infatti la premessa necessaria e fondamentale per ottenere un caffè torrefatto, poi una bevanda, che dia piacere e non malessere. Il caffè di WOW MOKA COFFEE, infatti, non è solo un’intensa e appagante esperienza multisensoriale: è anche un modo di prendersi cura di sé e di riappropriarsi del piacere di un rito.

Noi di WOW MOKA COFFEE selezioniamo innanzitutto l’origine del caffè verde, prediligendo coltivazioni amiche dell’ambiente e rispettose delle condizioni di lavoro delle persone: perché il nostro caffè è fatto anche di questo; di persone.

Nella nostra torrefazione eseguiamo le prove di assaggio delle campionature di caffè verde che importiamo oltre ad avvalerci di laboratori di analisi per verificare la qualità della materia prima.

Uno dei primi dati di cui ci accertiamo sono la forma e le dimensioni dei chicchi di caffè verde.

Generalmente si ricorre al principio secondo il quale la grandezza dei chicchi di caffè verde è direttamente proporzionale all’altitudine delle coltivazioni. I frutti delle piante di caffè che crescono ad altitudini più elevate sono

riguardati da dimensioni maggiori e da una maturazione più lenta e sviluppano un aroma più raffinato. Da ciò deriva la conclusione che maggiori sono le dimensioni dei chicchi di caffè verde, più fine è il loro aroma.

Data la non accertata attendibilità di questo criterio di valutazione empirico, l’omogeneità delle dimensioni dei chicchi di caffè verde della medesima partita è una caratteristica fondamentale ai fini della torrefazione: dimensioni e forma costanti permettono una torrefazione omogenea e uniforme che dà origine a un caffè bilanciato e armonioso in fatto di aroma e gusto.

Al fine di differenziare i chicchi di caffè verde di un medesimo lotto, spesso si ricorre ai crivelli (sistema New York), setacci forati che presentano buchi di diverse dimensioni attraverso i quali è fatto passare il caffè. Ne consegue che dallo stesso crivello escono solo i chicchi di caffè verde della stessa dimensione.

Le dimensioni dei chicchi di caffè verde si esprimono in sessantaquattresimi di pollice: i fori dei crivelli sono infatti differenziati in 17/18, 15/16 che corrispondono a 17/64 di pollice, 18/64 di pollice e così via. Le dimensioni dei fori possono anche essere espresse in millimetri che sono identificati in “gradi”; ad esempio il Grado 0 corrisponde al crivello n° 18 con fori di 7 millimetri, il grado 1 fa riferimento al crivello n° 16 con fori di 6,3 millimetri, ecc.

Il metodo di selezione dei chicchi di caffè verde non è lo stesso in tutto il mondo. Oltre al metodo New York, applicato principalmente ai caffè brasiliani, esiste il metodo africano che si appoggia a una classificazione alfabetica (AA, AB…), dove il parametro AA fa riferimento a una dimensione al di sopra del crivello 16.

WOW MOKA COFFEE sceglie di torrefare solo i caffè che, sulla base dei vari criteri di selezione, si rivelano ideali, prendendo l’impegno di eseguire ulteriori controlli. Che senso avrebbe applicare il nostro metodo di torrefazione WMC EcoDry System studiato e messo a punto per rispettare al massimo il caffè nella sua essenza più pura e intima, a un caffè di scarsa qualità? E che senso avrebbe proporre ai nostri Clienti un prodotto scadente, bruciato, empireumatico, generante malessere? Per scoprire come avviene la torrefazione di WOW MOKA COFFEE, leggi l’articolo che trovi QUI.

Anche per quanto riguarda la selezione operata in base alle impurità e ai difetti che riguardano i chicchi di caffè esistono diversi metodi. Il più accreditato è quello sviluppato dal New York Coffee and Sugar Exchange fondato nel 1882. Sulla base di questo processo, i chicchi di caffè verde ricevono un punteggio riferito ai difetti intrinseci (ad esempio il colore scuro) e ai difetti dovuti alla presenza di corpi estranei (pietre, pezzi di rami…). L’analisi prende in esame circa 300 grammi di chicchi di caffè verde che, a seconda della quantità e del tipo di difetti riscontrati (ciascuno dei quali vale un determinato numero di punti), ricevono una valutazione da 0 a 6, dove zero corrisponde al caffè perfetto e sei esprime la qualità del caffè peggiore.

Il caffè verde | Conosciamolo

Tornando al caffè verde, come suggerisce il suo nome, esso altro non è che il chicco di caffè non torrefatto e non tostato, ossia il caffè crudo essiccato. Grazie a quest’accorgimento, il caffè verde, oltre a mantenere il suo colore naturale, acceso e brillante, conserva le sue peculiarità nutritive e i relativi effetti che queste potrebbero avere in relazione al dimagrimento.

Per produrre il caffè verde destinato al commercio, generalmente si utilizzano le varietà arabica e robusta in purezza oppure miscelate.

Il caffè verde è un integratore alimentare utilizzato principalmente come coadiuvante delle diete dimagranti, in particolare per gli effetti benefici sull’efficienza del metabolismo.

Il caffè verde finalizzato alla perdita di peso è reperibile in farmacie, parafarmacie, erboristerie e supermercati, oltre che online. Poiché ciascun prodotto, soprattutto in termini di dosaggi, è differente da un altro, nell’assumere il caffè verde è molto importante attenersi scrupolosamente alle indicazioni riportate sulle confezioni.

Generalmente il caffè verde è venduto in formati destinati all’infusione in acqua alla temperatura di 80°C per circa 10 minuti. È anche possibile reperire chicchi di caffè verde interi oppure frantumati da utilizzare nello stesso modo (i chicchi interi mantengono al meglio le proprietà nutrizionali rispetto ai chicchi di caffè verde rotti). In questo caso l’infuso di caffè verde deve essere filtrato prima del consumo.

Qualunque sia il formato utilizzato, l’infuso di caffè verde deve essere bevuto senza l’aggiunta di zucchero, miele o altri dolcificanti.

Accanto al caffè verde destinato al dimagrimento (infusi, capsule e compresse), esistono prodotti cosmetici al caffè verde che dichiarano effetti tonificanti, rassodanti, elasticizzanti, anticellulite ed energizzanti da applicare sulla pelle, quali creme, oli per massaggi, gel, bagnoschiuma e doccia schiuma, scrub…

Caffè verde dimagrante | I sostenitori

La principale caratteristica del caffè verde annoverato tra gli integratori alimentari sarebbe rappresentata dalla sua capacità di rendere più efficiente il metabolismo del corpo umano, con particolare riferimento all’assorbimento degli zuccheri.

Per capire come agirebbe il caffè verde, prima di tutto è necessario fare riferimento alla caffeina che contiene e a come questa interagirebbe con l’organismo.

Alcune scuole di pensiero affermano che il caffè verde rilascia la caffeina nell’organismo in maniera differente rispetto al caffè torrefatto. La caffeina del caffè verde sarebbe assorbita più lentamente poiché legata a una sostanza, l’acido clorogenico dalle qualità antiossidanti, che implicherebbe il perdurare della caffeina in circolo nel sangue, fatto che influisce positivamente sulla concentrazione mentale e sull’efficienza fisica laddove ciò sia una specifica necessità.

La caffeina contenuta nel caffè verde ostacolerebbe l’assorbimento a livello intestinale di parte degli zuccheri assunti con l’alimentazione. Il minor assorbimento di zuccheri influirebbe quindi positivamente sui picchi glicemici che causano il rallentamento del metabolismo e sugli accumuli di grasso, specie a livello addominale.

Grazie all’azione che la caffeina del caffè verde avrebbe sugli zuccheri già assimilati a livello epatico, ossia già elaborati in glicogeno, esso impedirebbe a questi di tornare nel sangue in forma di glucosio, riducendo quindi il rallentamento del metabolismo.

Il caffè verde, ancora riguardo alla sua caffeina, potrebbe inoltre ridurre il rischio di sviluppare il diabete nei soggetti predisposti.

La composizione chimica del caffè verde rivela anche la presenza di polifenoli antiossidanti che aiuterebbero a ridurre i trigliceridi e il colesterolo nel fegato.

Le metilxantine contenute nel caffè verde, inoltre, agirebbero riducendo la dimensione delle cellule adipose e limitando l’assimilazione dei grassi.

Riassumendo, il caffè verde potrebbe avere le seguenti proprietà:

  • Antinfiammatoria;
  • Antiossidante;
  • Regolatrice dei livelli di glicemia;
  • Riduttrice dell’assorbimento dei grassi.

Caffè verde dimagrante | Chi non è d’accordo

Nel capitolo precedente abbiamo avuto la possibilità di verificare che i sostenitori del caffè verde come integratore alimentare dagli effetti dimagranti riconoscono in esso numerose proprietà che ne giustificano l’assunzione in caso di necessità legate alla linea.

Per completezza d’informazione e per il senso di responsabilità che ci riguarda non solo come torrefattori, ma come informatori – poiché amiamo parlare di caffè e vi offriamo questi articoli, compreso questo sul caffè verde – ci preme sottolineare che c’è chi non è d’accordo con le tesi riportate sopra.

In particolare, citiamo l’EFSA (European Food Safety Authority) e l’articolo emesso dall’Ente nel 2011, intitolato “Parere scientifico sulla fondatezza delle indicazioni sulla salute relative al caffè, compresi gli acidi clorogenici del caffè, e sulla protezione del DNA, delle proteine e dei lipidi dai danni ossidativi (ID 1099, 3152, 4301), mantenimento delle normali concentrazioni di glucosio nel sangue (ID 1100, 1962) e contributo al mantenimento o al raggiungimento di un peso corporeo normale (ID 2031, 4326) a norma dell’articolo 13, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 1924/20061”.

Questo documento, che può essere consultato in lingua inglese cliccando QUI, mette in dubbio la veridicità delle affermazioni relative alle proprietà dimagranti del caffè verde.

Ecco la premessa: – Gli effetti dichiarati sono “perdita di peso e controllo del peso negli adulti in sovrappeso / riduce l’assorbimento del glucosio nell’’intestino” e “promuove la perdita di peso e il controllo del peso negli adulti in sovrappeso sani riducendo l’assorbimento del glucosio nel sistema gastrointestinale / assorbimento nell’intestino (regolando omeostasi del glucosio nel fegato, promuovendo così l’uso del grasso come fonte di energia nel corpo)”. Il gruppo di esperti scientifici presume che la popolazione target sia la popolazione generale. Nel contesto delle diciture proposte, il gruppo di esperti scientifici presume che gli effetti dichiarati si riferiscano al controllo del peso corporeo. La gestione del peso può essere interpretata come il contributo al mantenimento di un peso corporeo normale. In questo contesto, la perdita di peso nei soggetti in sovrappeso senza raggiungere un peso corporeo normale è considerata un effetto fisiologico benefico. Il gruppo di esperti scientifici ritiene che il contributo al mantenimento o al raggiungimento di un peso corporeo normale sia un effetto fisiologico benefico. –

Nel documento, l’EFSA prende in esame alcuni studi scientifici che sono stati utilizzati come prova delle affermazioni relative agli effetti benefici del caffè verde sul dimagrimento ed esprime il proprio dissenso. Rimandandovi alla lettura completa del testo che riguarda gli studi appena menzionati e le ragioni dettagliate del dissenso stesso, questa è la conclusione finale dichiarata dall’Ente: – Non è stato stabilito un rapporto di causa ed effetto tra il consumo di acidi clorogenici del caffè e il contributo al mantenimento o al raggiungimento di un peso corporeo normale. –

Se ti è piaciuto questo articolo, ti invitiamo a leggere gli altri che noi di WOW MOKA COFFEE mettiamo a tua disposizione , ma non senza uno dei nostri caffè amici dello stomaco , preparato con l’esclusiva WOW MOKA  e assaporato nel nostro WOW GLASS.

WOW MOKA COFFEE è presente su Facebook e su Instagram : metti il tuo like e diventa nostro follower per continuare a condividere la passione per il buon caffè che…nuoce gravemente al malumore!

17Dicembre
2019
  • 1.471
  • 1

1 Comments

  1. by Ray Gunzenhauser 20 Dicembre, 2019 6:20 am

    Bellissimo lavoro,bravo continua cosi!!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Iscriviti

Al nostro Sensorialistico Coffee News